giovedì 17 gennaio 2013

UISP Nona Giornata 2012/13

Stavolta siamo sul pezzo, passate poche ore dalla partita di ieri ed a poche ore di distanza dalla partita di domani vi regaliamo il trafiletto che tutto il mondo ci invidia e che tutta l’umanità aspetta con ansia finendosi le unghie di mani e piedi (considerando l’ultima volta che le abbiamo fatte saranno arrivati ai gomiti e ginocchia).

Giocata appunto ieri sera, Mercoledì 16 Gennaio contro i temutissimi Tintero sul campo di Bagnacavallo, la nona e penultima partita del girone. Il risultato finale:

Penta  6 - 4 Tintero

Partita rimandata di una settimana rispetto al calendario fissato dalla UISP poichè alcuni dei nostri giocatori hanno deciso di andare a scassarsi di bombardini e cioccolata calda sulle piste della Val di Fassa, non preoccupandosi troppo dei dolori addominali che avrebbero sofferto. (ppppppuuuuoooooa)
Per l’occasione festiva/natalizia l’UISP ha mandato ad arbitrare la partita niente popodimeno che: BABBO NATALE! (con tanto di maglietta rossa sotto alla divisa)
Incredibile ma vero Penta è al gran completo, credeva forse di giocare a calcio e così tutti e 11 i giocatori tesserati si sono presentati puntuali all’appuntamento che valeva molte delle speranze (o timori) di finire fra le prime quattro classificate e guadagnarsi, di conseguenza, la serie A.
Tutto quello che si poteva fare per portarsi sfiga, prima della partita, è stato fatto: discorso alla Nazione a reti unificate, foto di rito, articolo di giornale sul Corriere della Sera, passare in fila indiana sotto una scala con un gatto nero in mano rompendo con un calcio uno specchio; però i nostri beniamini sono più forti di qualsiasi predizione Maya e indomiti hanno portato a casa tre punti fondamentali.

Non si è capito precisamente se gli avversari sono rimasti con la testa ai festeggiamenti di capodanno o se Penta ha avuto un inizio inarrestabile, fatto sta che la partita si mette in pochi minuti sul 3 a zero: il primo gol è di Giammi che centrato in pieno da un diagonale dalla sinistra di Signa devia in rete il pallone col fianco; il secondo gol è opera di Signa con un insidioso mezzocollo a voragine dalla lunga distanza che costringe il portiere avversario alla perdita di sensi dalla tanta bruttezza, rete che comunque si gonfia; terzo gol di testa di Bando che devia una fucilata proveniente direttamente dalle mani di Tox che senza essere smorzata dal nostro attaccante sarebbe finita per distruggere l’intera struttura portante del campo di gioco.
Direi che come partenza non ci si poteva aspettare niente di meglio, la strada più che in discesa è in caduta libera. Calano vistosamente i ritmi di gioco, gli avversari operano qualche cambio tattico, la fatica dei nostri comincia a farsi sentire e in questa difficoltà momentanea sale in cattedra Tox che mantiene inviolata la porta con diversi interventi da manuale. Con il passare dei minuti però, dopo ripetute occasioni da gol di Tintero, purtroppo arriva anche il gol avversario.
La reazione immediata porta il quarto gol ancora una volta di Bando, o meglio, della suola di Bando, che è a tutti gli effetti il dodicesimo tesserato della Penta con una propria anima, che mette a sedere il portiere e insacca a porta vuota.
Il primo tempo finisce sul risultato di 4 a 2 perchè proprio alla fine Tintero riesce ad accorciare un pelo le distanze.
Secondo tempo molto meno animato del primo, anche se le occasioni avversarie non mancano e Tox continua il suo show personale, il forcing avversario però lascia molte possibilità in contropiede a Penta che spreca qualcosina ma riesce ad allungare ancora le distanze con Signa che con un diagonale di destro (Dio esiste, c’ho le prove) su assist di Rondo compie un gesto tecnico che lascia sbattezzato lo stesso capitano.
Il tempo scorre inesorabile, cantava Raf, e ormai Tintero è all’arrembaggio: un gol avversario per il momentaneo 5 a 3; il gol di Giammi a porta vuota dopo che innumerevoli scambi con Bando hanno fatto venire la labirintite anche agli spettatori; e l’ultimo gol di Tintero allo scadere, fissano il risultato finale.
Splendida prova di forza di Penta.

Ed ora le pagelle di fine semestre:

Tox: 9,5
L’altra diga romagnola ha un solo difetto, è immobile. Il nostro portierone invece salta, si tuffa, smanaccia, suda e di dimena come un cefalo, fa di tutto e di più per tenere gli avversari a bada. Anche questa volta riesce benissimo nel suo intento, è vero, subisce 4 gol, ma di quelli inevitabili. Tutto il resto lo evita eccome, utilizzando perfino una bestemmia fotonica che sposta la palla dei centimetri che bastano per farla finire sulla traversa.
Gli avversari (e lo Stato Vaticano) lo malediranno per diversi giorni ancora. RIDRACOLI

Red: 7
Carico a pallettoni come sempre, scalpita per entrare in campo, e quando lo fa al posto di Rondo lo fa con l’aggressività giusta (forse a volte un po troppa), ringhia su ogni pallone, sia a terra che in aria. Sbuffa e sgrufola per tutto il campo fino alla fine della partita. COLONNA

Giammi: 8,5
Ha ceduto il mitologico numero 10 a Bando, ma la storia è sempre la stessa, il momento buono del Gigi la Trottola Romagnolo continua e tira fuori un’altra prestazione luccicante. Con la formazione al completo si dedica alla parte offensiva come gli è consono, e segna subito il primo gol di rapina, ma quando i cambi rivoluzionano un po la squadra non si risparmia in profonde diagonali difensive, e da una mano in tutte e due le fasi. Butta pochi palloni ed è sempre presente durante tutta l’azione. PONCIPONCIPOPOPO

Angelo: 6+
Gioca spezzoni di partita intento più che altro a tenere monitorato ogni spostamento avversario per aiutare i compagni nella fase difensiva, quando entra è perfettamente in clima partita e copre benissimo la fascia destra, molto utile nel momento in cui erano a corto di benza. OCCHIO DI SAURON

Bacchi: 6+
Chiamato a fare il vice Bando (duro lavoro) non si risparmia, mette a segno qualche buon dribbling e fa rifiatare la quadra prendendo anche qualche buona stecca (che fa un vino buono). In attesa di un po più di spazio per le prossime partite i tifosi si guardano le sue gesta di repertorio. VENI VIDI VICE

Signa: 9,5
Tornato in campo dopo una partita saltata, sembra essere stato rivitalizzato dalle bianche discese. Comincia la partita con rinnovata volontà, e senza neanche aver avuto la possibilità di dire “supercalifragilistichespiralidoso” siamo già al gol, e poi un altro gol, e poi un altro gol, e poi ho perso il conto. Sempre in ogni parte del campo si concede addirittura un gol di destro! Infatti fuori, dopo poco, ha cominciato a nevicare. ONNIPRESENTE

Mela: 7
Parte dalla panchina, convinto che ci sarà poco spazio per lui in questa partita dei big, e in effetti non gioca molto, ma gioca per quasi tutto un tempo e lo fa per bene. Non si abbandona a velleità offensive, aiuta la squadra in entrambe le fasi e non lascia vita facile agli avversari sulla fascia. Ottimo quando segue l’avversario che fa il dai-e-vai. Registriamo anche una punizione in cielo sul finale di partita, l’UISP non chiede danni. Tutti contenti, ma Babbo Natale lo guarda storto. VUOI UNA FOTO?

Fede: S.V.
Prende parte al trio delle grazie: Grazia, Graziella e Grazie-al-... che impartiscono direttive ai compagni dalla panchina. Non entra nemmeno lui effettivamente in campo ma il suo contributo da fuori non è certo da dimenticare. (BEPPE)GRILLOPARLANTE

Nico: S.V.
Oggi, dopo aver fatto vedere discreti numeri da circo nel prepartita, non è per niente voglioso di aiutare la squadra in campo (chissa come mai).
Già pronto al carnevale, si traveste da Mourinho/Trapattoni/Cosmi/Mazzone e incomincia a fischiare, imprecare, spaccà ‘na gamba, redarguire qualsiasi cosa animata e inanimata calchi il terreno di gioco. BONOLIS

Bando: 9+
Nel conto totale delle partite si è fatto vedere poco, ma quando c’è la differenza si vede eccome. Stoppa qualsiasi cosa gli passi vicino, indipendentemente dalla velocità alla quale gli arriva addosso (i Bosoni di Higgs gli fanno una pippa), tiene palla, dribbla, segna con i piedi, in pallonetto di testa su assist di Tox (!), da spazio alla manovra e non butta via palloni. Chi si domandava se la Penta fosse da serie A, adesso ha la sua risposta. MANDOVAISEBANDONONCEL’HAI

Rondo: 8,5
Viene chiamato subito in causa come pilastro centrale difensivo, morde i garretti avversari come un vero mastino a digiuno da settimane, abbiamo perso il conto degli anticipi compiuti su avversari che fanno ripartire l’azione di Penta in modo esemplare. Suo anche un filtrante/assist per Signa. EEEE.... MIMMO TANTAROBBBA

Il prossimo appuntamento è per domani, Venerdì 18 Gennaio a Lugo alle ore 21:00 contro Roccà. Sarà l’ultima partita del girone e Penta dev’essere più motivata che mai per portare a casina la serie A.

Nessun commento:

Posta un commento